I principi teorici: luce rigenerante e luce naturale

L’attenzione verso la luce naturale e la continua evoluzione delle innovazioni tecnologiche in grado i controllarla sono al centro del dibattito che pone il benessere visivo come elemento chiave della progettazione degli spazi.

Il Ritmo Circadiano, un ciclo della durata di circa 24 ore e orchestrato dall’alternanza naturale della luce e del buio, regola ad esempio il livello di ormoni, la pressione sanguigna e molti altri aspetti del nostro organismo. La luce controlla e influisce su numerose funzioni vitali e non si limita a migliorare il comfort visivo percepito: aspetti psicologici e fisiologici sono elementi misurabili su cui sono stati fondati molteplici studi scientifici negli ultimi decenni.

La permanenza in ambienti artificiali non opportunamente illuminati per la maggior parte della giornata può creare da un generico senso di malessere, stanchezza o calo della concentrazione fino al mal funzionamento di ghiandole e situazioni croniche di stress. Leggere un buon libro in un ambiente confortevole e adeguatamente illuminato non è soltanto piacevole; la luce incide infatti sulla concentrazione, sulle prestazioni cognitive, sul rilassamento e sul controllo degli impulsi.

Una corretta stimolazione del sistema circadiano attraverso l’utilizzo strategico della luce naturale è uno dei possibili rimedi alle patologie sopra elencate. Il concetto di Luce Circadiana è il “cervello” dei sistemi di illuminazione di più recente ideazione ed è una, delle strategie di Human Centric Lighting: Sistemi di illuminazione che combinano effetti visivi, biologici ed emozionali della luce, influenzando il benessere e le prestazioni delle persone.

In Biosphera: Olev e la luce rigenerante

Luce rigenerante: Poly Esagono Soundless

OLEV ha progettato l’illuminazione degli interni del modulo con la tecnologia di luce a LED evoluta che si adatta alle esigenze psicofisiche delle persone, variando di intensità e colore a seconda delle preferenze o dell’orario della giornata (per approfondimenti)

Poly Esagono Soundless è la lampada scelta per illuminare Biosphera Equilibrium e contribuire a rigenerare corpo e mente all’interno del modulo.Poly Esagono Soundless varia la luminosità automaticamente in base all’orario. Si tratta di una specifica tecnologia che si orienta alla luce naturale e alle sue variazioni, per aumentare il benessere psicofisico riproducendo le condizioni di luminosità di un ambiente esterno. All’interno di Biosphera è possibile vivere le sensazioni di un’intera giornata trascorsa all’aria aperta, dall’alba fino al tramonto.

Licheni naturali per il massimo comfort acustico

I pannelli fonoassorbenti in lichene naturale inseriti all’interno della lampada riducono la rumorosità nell’ambiente.

Il lichene viene selezionato e applicato a mano, e grazie a specifiche lavorazioni:

  • si mantiene fresco e morbido nel tempo
  • è antistatico
  • non cresce
  • non necessita di acqua
  • rappresenta un ambiente ostile per la riproduzione di insetti
  • è certificato per l’assorbimento acustico
  • è certificato per la resistenza al fuoco.

.

In Biosphera: coelux e la luce naturale

Può la luce naturale diventare artificiale?

Può la luce naturale diventare artificiale, mantenendo le stesse caratteristiche visive e percettive?
La luce naturale è una componente essenziale di Biopshera Equilibrium: grandi aperture si affacciano verso l’outdoor dalla zona notte e dalla zona giorno. All’interno del modulo è stata integrata nel soffitto una tecnologia italiana in grado di ricreare un sole realistico e un cielo azzurro dalla profondità infinita, avvolgendo l’ambiente in una luce diffusa e riproducendo luci, forme e volumi tipici dell’outdoor.
Lo spazio domestico contemporaneo, spesso inserito all’interno di contesti fortemente urbanizzati, non facilita la connessione tra Uomo e Luce naturale. In Biosphera Equilibrium, la tecnologia di CoeLux crea un ambiente visivamente confortevole, incrementando artificialmente la luce naturale proveniente dall’esterno. Il cielo e il sole sono le componenti che differenziano CoeLux da qualsiasi altro sistema di illuminazione. In un ambiente dove la luce naturale non è sufficiente, ad esempio in una stanza cieca, la tecnologia implementata in Biosphera Equilibrium ricrea il senso di profondità e di infinito di una finestra. Questa tecnologia è in grado di riconnettere l’uomo all’ambiente naturale da cui proviene: l’outdoor.

La tecnologia CoeLux

Il sistema funziona grazie alla combinazione di tre elementi principali: una tecnologia LED all’avanguardia che riproduce lo spettro, la direzione e la luminosità della luce solare; sistemi ottici che riproducono il cielo e il sole ad una distanza infinita; materiali nanostrutturati di spessore millimetrico che creano il processo di diffusione Rayleigh riproducendo la luce e il colore del cielo nell’atmosfera.

Il sistema CoeLux scelto per Biosphera 3.0 è il modello CoeLux LS Ice. La luce del sole prodotta dal sistema, si riflette sulla cornice interna in alluminio creando un fascio di luce a 45 gradi di inclinazione e uno di minore intensità nella direzione opposta. Dotati di un sistema di dimmeraggio, consentono la modulazione dell’intensità luminosa, soddisfacendo le esigenze delle aree in cui è presente: la stanza da bagno e la camera da letto.
Rilassarsi durante un bagno caldo, prepararsi velocemente per uscire oppure sfruttare la versatilità della zona notte saranno alcune delle occupazioni che gli ospiti di Biosphera 3.0 potranno svolgere immersi nella luce naturale delle finestre artificiali CoeLux.

La percezione luminosa di Biosphera Equilibrium è stata progettata e realizzata grazie alla consulenza Filippo Cannata, Andrea Lanaro e Paolo Di Trapani.

In collaborazione con